Il controllo accessi: quando è obbligatorio e quando necessario. - Sei Sistemi di Sicurezza
Archiviazione ignifuga di documenti e manufatti
23 Marzo 2018
Il settore alberghiero e la gestione degli accessi a distanza
20 Aprile 2018

Il controllo accessi: quando è obbligatorio e quando necessario.

Con il termine “Controllo Accessi” si intende una moltitudine di tecnologie che possono essere applicate per regolare il transito di persone o mezzi attraverso un varco.
La generalità di questa definizione apre le porte al tema principale di questo articolo, ovvero i numerosi ambiti di applicazione e vantaggi che questo tipo di sistema può apportare ad ogni tipo di realtà aziendale.

I sistemi di controllo accessi non sono tutti uguali ma possono essere declinati in base al tipo di controllo rispetto al varco specifico.
Di solito le soluzioni centralizzate (in contrapposizione ai sistemi stand alone) sono adatte a quegli ambienti dove un sistema di supervisione e controllo permette di profilare gli utenti in base al tipo di autorizzazione disposto e al tempo stesso consentono di tracciare in real time accessi, effrazioni o eventi.
A livello aziendale bisogna, prima di tutto, esaminare se all’interno della propria struttura esistono dei colli di bottiglia: fasi e procedure che rallentano il naturale transito di persone/mezzi con conseguente rallentamento nel veicolare tali informazioni. Di solito in questi casi è richiesto del personale specifico per poter registrare e controllare passaggi e autorizzazioni.

Quando un sistema di controllo accessi è obbligatorio e quando necessario?

I motivi per cui un varco o un accesso viene controllato è legato a questioni di:

  • sicurezza: decidere chi e quando far accedere all’interno di un edificio o di una stanza, per proteggerla da personale indesiderato;
  • controllo: per tenere monitorate il numero di persone o mezzi che attraversano un varco in un determinato arco di tempo;
  • distanza: la necessità di poter decidere personalmente chi fa cosa anche, quando non si è fisicamente sul posto;
  • controllo della filiera di produzione: per alcune aziende, soprattutto di tipo alimentare o sanitario, alcune aree sono obbligatoriamente controllate negli accessi per ovvi motivi di contaminazione;
  • salute: in aziende che detengono sostanze pericolose e tossiche l’accesso controllato è d’obbligo.

Prendendo in considerazione queste 5 variabili è molto facile che quasi tutte le aziende abbiano la necessità di realizzare un’impianto di controllo accessi adeguato e performante.

Come è strutturato solitamente un sistema di controllo accessi?

Il controllo accessi è una tecnologia declinabile e flessibile in base al tipo di struttura ed esigenze è difficile in questa sede generalizzare, ma vediamo di rendere la descrizione più chiara e semplice possibile.
In sostanza, un sistema di controllo accessi tecnicamente evoluto è dotato di un sistema installato sulla porta di accesso di un determinato varco in grado di comunicare con la centrale di supervisione e di leggere badge o tag a cui sono state date delle credenziali di accesso. Tramite un software di gestione che comunica con i dispositivi installati nei varchi è possibile creare degli utenti con specifiche credenziali e al tempo stesso monitorare istantaneamente il flusso di passaggio.

I controlli accessi di ultima generazione di tipo wireless, per esempio, permettono una facile installazione in quanto non richiedono fili e cablaggi. Le attuali tecnologie di comunicazione permettono poi di spaziare attraverso vari standard come il Bluetooth, NFC, RFID.
L’infrastruttura deve, ovviamente, essere progettata e precedentemente valutata se non si vogliono trovare in seguito rallentamenti o inefficienze.

Quali tipi di vantaggi apporta l’installazione di un sistema di controllo varchi e accessi all’interno di una routine aziendale?

  1. Maggior controllo, sicurezza e precisione grazie al software di gestione e monitoraggio;
  2. Riduzione del costo del personale impiegato nel controllo dei varchi;
  3. Possibilità di controllare varchi e disporre credenziali a distanza, senza essere presenti fisicamente sul posto;
  4. Verificare a posteriori flussi, presenze e accessi;
  5. Condivisione delle informazioni.

A nostro avviso, quindi, per alcune tipologie aziende questo sistema non è solo obbligatorio ma necessario per poter permettere velocità, controllo e sicurezza alla propria attività.

 

 

SEI Sistemi di Sicurezza di Padova è il partner giusto a cui rivolgerti per la
progettazione di impianti di controllo varchi e accessi.

Rivolgiti ad un professionista. Siamo operativi in Veneto, in Trentino-Alto Adige e in Friuli-Venezia Giulia.

Maggiori info  (+39) 049 775381

 

 

Facebooktwitterlinkedinmail
Francesca Quaggia
Francesca Quaggia
Amministratrice, responsabile marketing e comunicazione, formazione e sicurezza sul lavoro, responsabile infrastruttura aziendale, coordinatrice strategia d’azienda, ricerca nuovi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi