Norme Tecniche Impiantistiche - Sei Sistemi di Sicurezza
Blog SEI Sicurezza - Videosorveglianza e autorizzazioni
Videosorveglianza e Autorizzazioni
21 Marzo 2013
Blog SEI Sicurezza - Videosorveglianza e condomini
Videosorveglianza e Condomini
19 Aprile 2013

Norme Tecniche Impiantistiche

Blog SEI Sicurezza norme tecniche impiantistiche

Le 5 regole per scegliere un installatore affidabile

Le installazioni degli impianti di allarme, di sistemi di rilevazione e spegnimento incendio o di sistemi di videosorveglianza sono soggette a delle normative specifiche che ne regolano la progettazione e l’utilizzo di determinati prodotti.

Ogni utente ha il diritto di farsi rilasciare una dichiarazione di conformità dall’installatore, per esempio nell’installazione di un impianto antintrusione. Conviene richiedere il suo rilascio ad impianto ultimato già al momento del preventivo.

Un installatore serio rilascerà sicuramente la dichiarazione. Commissionare una installazione non a norma vuol dire trasferire la responsabilità dall’installatore all’utente.

Se invece, comincia a tergiversare o a dire che non è importante

Attenzione: può voler dire che o i materiali non sono conformi, oppure che chi redige il preventivo non è in grado di rilasciare questo tipo di documento per incompetenza, per mancata conoscenza delle normative oppure per malafede.

Perché farsi installare un sistema antifurto o antintrusione a norma?

L’installazione di un impianto di sicurezza a norma prevede l’uso di materiali costruiti con livelli di immunità ai disturbi di livello elevato e con filosofia di funzionamento studiata da commissioni di esperti del settore in ambito di normazione CEI. Il CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) è l’ente che stabilisce le norme; i lavori possono dirsi eseguiti “a regola d’arte” solo quando la norma CEI specifica (Ex Legge 46/90 – nuovo D.M. 37/08) viene rispettata.

Un’installazione a norma prevede la responsabilità della corretta esecuzione dei lavori da parte di chi la effettua, che si concretizza con la dichiarazione di conformità. Se invece l’utente accetta l’esecuzione non a norma condivide con l’installatore la responsabilità: ecco perché bisogna diffidare di chi dice che la dichiarazione non è importante.

Le 5 regole da seguire per avere la certezza che il vostro installatore è un professionista:

  1. Richiedere sempre la dichiarazione di conformità obbligatoria (D.M 37/08 ex 46/90).
    L’installazione dell’impianto di sicurezza deve essere affidato esclusivamente ad imprese abilitate che DEVONO rilasciare la dichiarazione di conformità, la violazione è sanzionata.
  2. Installazione degli impianti a regola d’arte (CEI 79-2, CEI 79-3).
    Il cliente deve richiedere il certificato di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali dell’azienda installatrice che si traduce nell’iscrizione dell’installatore alle tabelle A-B-G della Camera di Commercio.
  3. Collegamento sistema antintrusione e anti-rapina alla centrale telefonica.
    L’installatore deve essere abilitato e in possesso dell’autorizzazione rilasciata dal Ministero delle Telecomunicazioni (revisione DM 314/92) per poter effettuare qualsiasi tipo di collegamento dell’impianto di sicurezza al combinatore telefonico. La violazione ti tale norma è sanzionata.
  4. Videosorveglianza in ambiente di lavoro (Statuto dei Lavoratori, art.4).
    Le aziende con meno di 15 dipendenti che vogliono un impianto di videosorveglianza devono richiedere prima dell’ installazione l’autorizzazione all’Ispettorato del Lavoro.
  5. Tecnici competenti e specializzati.
    È necessario che per determinate lavorazioni o in caso di manutenzioni (per esempio nei sistemi di rilevazione incendio) i tecnici siano in possesso di un attestato rilasciato da ente competente (DM 20.12.2012), essi devono essere in ogni caso all’altezza della lavorazione che stanno effettuando. Un’azienda specializzata nel settore della sicurezza è in grado di garantire tutto ciò.

La violazione di tali punti oltre a compromettere la funzionalità dell’impianto e a provocare possibili sanzioni può precludere risarcimenti assicurativi e collegamento alle Forze dell’Ordine. I vantaggi invece sono notevoli: sicurezza e protezione di qualità e certificata, recupero totale del costo come bene strumentale, recupero dell’IVA (leggi l’approfondimento sul Bonus Fiscale), risparmio sui costi assicurativi, esistenza di fondi da Regioni, Provincie e Comuni per la dotazione di sistemi di sicurezza con collegamento Video alle Forze dell’Ordine.


SEI Sistemi di Sicurezza e il suo partner tecnico Integra SEI sono installatori professionisti di impianti di sicurezza per abitazioni private e negozi.

Guarda le nostre certificazioni e prenota un sopralluogo gratuito per l’installazione del tuo impianto a Padova e provincia e in tutto il Triveneto.


 

Facebooktwitterlinkedinmail
Francesca Quaggia
Francesca Quaggia
Amministratrice, responsabile marketing e comunicazione, formazione e sicurezza sul lavoro, responsabile infrastruttura aziendale, coordinatrice strategia d’azienda, ricerca nuovi clienti.

2 Comments

  1. Marco ha detto:

    è obbligatorio a norma di legge la manutenzione annuale sugli impianti antintrusione?
    Grazie

    • Riccardo Quaggia ha detto:

      Buongiorno, attualmente non esiste una vera e propria legge che obbliga l’utente ad eseguire manutenzioni programmate nel sistema d’allarme, ma esiste la norma sulla regola dell’arte CEI 79/3 – CEI 79/2 specifica anche per le manutenzioni. Esiste poi l’obbligatorietà dettata da alcune polizze assicurative che richiedono la manutenzione programmata da parte di personale qualificato. Ogni impianto installato prevede una dichiarazione di conformità in base al DM 37/08 e vale per qualsiasi tipologia di impianto elettrico, d’allarme, videosorveglianza ecc. Per esempio, un impianto d’allarme potrebbe creare danno verso terzi anche per una sirena che suona per molto tempo senza motivo; in questo caso il proprietario del sistema potrebbe essere chiamato in giudizio per aver causato indirettamente danni fisiologici (udito) o morali, di seguito egli stesso deve dimostrare di aver provveduto a mantenere efficiente il sistema alla regola dell’arte. Per essere più semplificativo come per le manutenzioni dei veicoli, la legge non obbliga a fare i tagliandi a cadenza come prefissato dal costruttore dell’auto, ma se vuol godere della garanzia e soprattutto mantenere efficiente il mezzo è opportuno farli perché se la macchina non frena, o non si attivano gli airbag o altri dispositivi di sicurezza l’assicurazione declina la responsabilità verso chi ha trascurato tali accorgimenti. La regola dell’arte prevede che tutti gli impianti elettrici devono essere installati e manutenuti da personale qualificato, ed essendo l’impianto antintrusione classificabile tra gli impianti elettrici la non manutenzione rientra nella non tenuta dell’impianto alla regola dell’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi