Regola tecnica prevenzioni incendi campeggi e villaggi turistici
Blog SEI Sicurezza fiera casa su misura 2014
Fiera Casa Su Misura 2014
12 Settembre 2014
Blog SEI Sicurezza - Installare telecamere finte videosorveglianza privata
Telecamere finte: non conviene
17 Marzo 2015

Regola tecnica prevenzione incendi campeggi e villaggi turistici

Blog SEI Sicurezza normativa prevenzione incendio campeggi

Con il Decreto Ministeriale del 28 febbraio 2014, è stata approvata la “Regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture turistico – ricettive all’aria aperta (campeggi, villaggi turistici, etc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone”. Approfondisci con la nota di aggiornamento dei VVF.

La disposizione è diventata attuativa in data 13.04.2014 e richiede di applicare alle strutture di nuova progettazione nonché quelle esistenti delle contromisure antincendio proporzionali alla reale probabilità che si verifichino situazioni di emergenza.

La regola tecnica prevede infatti due approcci; il primo nel Titolo I è un approccio di tipo tradizionale studiato sia per le attività di nuova realizzazione che per quelle esistenti, nel Titolo II invece vengono adottate delle contromisure alternative, valide solo per le attività esistenti e basate su delle valutazioni di esperti che assegnano delle strategie operative proporzionali al potenziale scenario di emergenza.

Le strutture turistiche di nuova costruzione, già esistenti o in fase di ristrutturazione devono essere progettate e realizzate in modo da:

  • Ridurre al minimo le cause di incendio
  • Assicurare la stabilità delle strutture portanti per assicurare il soccorso agli occupanti
  • Limitare la produzione e la propagazione di un incendio all’interno della struttura ricettiva
  • Evitare la propagazione di un incendio ad edifici od aree limitrofe
  • Garantire la possibilità che gli occupanti lascino i locali e le aree indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo
  • Fare in modo che le squadre di soccorso possano operare in condizioni di sicurezza

Volendoci soffermare nella sezione innovativa del D.M. 28.02.2014, quindi il Titolo II, riepiloghiamo brevemente in che modo vengono definite le caratteristiche dello scenario di emergenza nelle strutture ricettive. Tre sono i fattori principali da considerare:

  1. la criticità dello scenario incidentale, inteso in termini di gravità dell’incendio e numero di persone potenzialmente coinvolte;
  2. le condizioni di vulnerabilità funzionale, in termini di velocità di assistenza esterna come risposta all’evento;
  3. l’interdipendenza con il contesto esterno all’insediamento, ovvero l’influenza reciproca in caso di evento interno o esterno all’insediamento.

Ovviamente le situazioni valutate più pericolose richiedono delle procedure più severe.

Tra tutte le regole tecniche esposte nel DM 28.02.2014, in questo articolo vogliamo approfondire l’aspetto relativo al punto 8 – IMPIANTI DI RIVELAZIONE, SEGNALAZIONE E ALLARME.

Tutti gli ospiti devono essere posti nella condizione di poter attivare una segnalazione di allarme, attraverso appositi pulsanti manuali distribuiti all’interno della struttura, capaci di trasferire la segnalazione ad un luogo presidiato 24/24 da personale addestrato, in grado di dare avvia alle procedure di emergenza previste.
Tutte le strutture ricettive all’aria aperta, siano esse un campeggio o un villaggio turistico, devono essere dotate di segnalatori di allarma del tipo a pulsante manuale, posizionati lungo i normali percorsi di esodo ad una distanza massima reciproca non superiore a 80 m, debitamente segnalati ed illuminati.

La regola tecnica per la prevenzioni incendi nelle strutture ricettive all’aria aperta, impone che il sistema di pulsanti manuali di emergenza deve attivare degli avvisatori acustici/luminosi  e/o sonori in grado di raggiungere ogni ospite della struttura per poterlo avvisare urgentemente di una situazione pericolosa. Questo è uno dei punti chiave per permettere un’evacuazione veloce e una riduzione del rischio in generale.

È OBBLIGATORIO che l’area del campeggio o del villaggio turistico sia munita di un sistema di allarme acustico in grado di raggiungere e avvertire ogni persona di un pericolo d’incendio.

 


 

Lo staff di SEI Sistemi di Sicurezza è sempre aggiornato sulle ultime disposizioni di legge in materia di regola tecniche di prevenzione incendi per le strutture turistico-ricettive all’aria aperta (campeggi e villaggi turistici).

 

Le disposizioni del Decreto Ministeriale del 28.02.2014 sono necessarie e obbligatorie per ridurre al minimo le criticità in caso di incendio. I prodotti e gli impianti antincendio che installiamo sono sempre all’avanguardia.

 

 

Metti a norma la tua struttura ricettiva e prenota un sopralluogo dei nostri tecnici esperti della sezione antincendio.

Operiamo su tutti i campeggi e i villaggi turistici del Veneto, del Friuli-Venezia-Giulia e del Trentino.

 


Facebooktwitterlinkedinmail
Francesca Quaggia
Francesca Quaggia
Amministratrice, responsabile marketing e comunicazione, formazione e sicurezza sul lavoro, responsabile infrastruttura aziendale, coordinatrice strategia d’azienda, ricerca nuovi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi