Contributi per l'adeguamento antincendio degli edifici scolastici
Allarme antintrusione e antifurto nebbiogeno a Padova, Venezia, Treviso e Rovigo
Dispositivi nebbiogeni e conformità alle norme
17 Gennaio 2020
L’integrazione domotica dei sistemi antintrusione
14 Febbraio 2020

Adeguamento antincendio degli edifici scolastici

È di recente pubblicazione da parte del Ministero dell’Istruzione l’avviso pubblico n.532 del 16/01/2020, che regolala concessione di contributi pari ad un totale di 98 milioni di euro a favore degli enti locali, per l’adeguamento gli edifici scolastici alla normativa antincendio.

Perché sono stati stanziati dei contributi per l’adeguamento antincendio degli edifici scolastici

L’importanza di tale avviso è supportata dal fatto che, secondo il Documento contenente le Certificazioni relative alla sicurezza all’interno del Portale Unico dei Dati della Scuola, alla fine del 2018, il 65% degli istituti scolastici non rispettava la normativa antincendio.
Questo dato testimonia come la maggior parte degli istituti scolastici frequentati dai nostri figli non rispetta le disposizioni di legge in materia di sicurezza antincendio e fa capire come lo stanziamento di adeguati fondi ministeriali sia fondamentale per la completa messa a norma di questi edifici.

Il recente avviso pubblico arriva a seguito di una predisposizione iniziale, prevista inizialmente per il 2019 e prorogata nel corso dell’anno, di 114 milioni di euro per permettere agli edifici scolastici di ottenere il certificato di prevenzione incendi e della dotazione della SCIA (Segnalazione Certificata Inizio Attività) antincendio; in questo modo viene garantito il rispetto delle disposizioni stabilite dal D.M. 26 Agosto 1992, che riguarda le Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica.

Cosa prevede l’adeguamento antincendio degli edifici scolastici

L’adeguamento antincendio prevede che gli edifici scolastici debbano sottostare a delle indicazioni precise per essere considerati a norma. In particolare, le più importanti riguardano:

  • Le dimensioni degli accessi di emergenza, espressi in termini di altezza, larghezza e resistenza al carico minima per consentire il passaggio dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco
  • La strutturazione delle vie d’uscita e la gestione del deflusso delle persone in caso di incendio
  • La struttura degli edifici, che deve avere una resistenza al fuoco di almeno REI 60
  • La conformazione degli impianti elettrici e la dislocazione dell’illuminazione di emergenza.

Il rispetto di queste normative e disposizioni che consente l’adeguata messa a norma di edifici pubblici di tale importanza, può avvenire solo rivolgendosi a professionisti della prevenzione incendi.

Sei Sistemi di Sicurezza rientra tra essi, essendo presente in questo ambito dal 1980 nel Triveneto e operando anche in diversi edifici scolastici per l’adeguamento antincendio.

Facebooktwitterlinkedinmail
Francesca Quaggia
Francesca Quaggia
Amministratrice, responsabile marketing e comunicazione, formazione e sicurezza sul lavoro, responsabile infrastruttura aziendale, coordinatrice strategia d’azienda, ricerca nuovi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi