Cosa sono le Blindature Antiesplosione per gli sportelli bancomat
Blog SEI Sicurezza nuova proroga bonus fiscale del 50% sui sistemi di sicurezza per tutto il 2018
Bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie – Proroga 2018
26 Gennaio 2018
Blog SEI Sicurezza Sistemi di Cash Handling per negozi a Padova
Cash Management. La gestione del denaro e non solo
16 Febbraio 2018

Blindature antiesplosione: cosa sono e a chi servono

Blog SEI Sicurezza Blindature Antiesplosione Bancomat

Le blindature antiesplosione sono dispositivi installati all’interno o all’esterno dei bancomat che hanno l’obiettivo di ridurre o eliminare il rischio di esplosione durante i tentativi di furto dei criminali.

Le esplosioni degli sportelli ATM generano presso gli istituti bancari le seguenti criticità:

  • furto (ovviamente) del denaro;
  • costi legati alla devastazione della filiale presso cui il bancomat è installato;
  • costi legati al mancato guadagno della filiale nei giorni necessari a ripristinare il tutto;
  • costi assicurativi che una filiale non adeguatamente protetta può generare.

Generalmente la tentata esplosione dei bancomat può avvenire utilizzando due tipi di metodi:

  1. esplosivo gassoso: durante l’assalto il bancomat viene riempito di gas (acetilene o similare). Una volta saturo avviene l’innesco e il bancomat esplode.
  2. esplosivo solido: si tratta della classica dinamite o marmotta che viene inserita all’interno della fessura da cui escono le banconote e viene fatta esplodere.

Le blindature antiesplosione nel caso del tentato furto con esplosivo gassoso consistono in un dispositivo di rilevazione gas – essendo inserite all’interno dello sportello ATM –  che appena rileva la presenza di gas, elimina in tempi velocissimi tutto l’ossigeno presente. Di conseguenza, in mancanza di ossigeno l’innesco non avviene e il bancomat non esplode sventando il tentativo di furto.

Le blindature antiesplosione nel caso del tentato furto con esplosivo solido prevedono l’installazione di un sistema anti esplosione brevettato che va a rinforzare la struttura del bancomat con appositi pannelli che attutiscono l’esplosione. In questo caso quindi la detonazione avviene, ma 9 volte su 10 il bancomat si gonfia senza esplodere, rimanendo chiuso e non creando sostanziali danni alla filiale.

Affinché la protezione della filiale bancaria sia davvero completa è necessario che:

  • sia installato un ottimo sistema antintrusione in grado di rilevare il più velocemente possibile il tentativo di furto, inviando tempestivamente la segnalazione alle forze dell’ordine o ad una centrale operativa;
  • vengano installati entrambi i sistemi di protezione anti esplosione per poter proteggere lo sportello bancomat sia dai tentativi di furto con esplosivo gassoso che dai tentativi di furto con esplosivo solido;
  • venga studiato un piano per ritardare ed ostacolare il più possibile il lavoro dei ladri.

NESSUNA ESPLOSIONE –> NESSUN DANNO –> NESSUN FURTO

Per risolvere il problema alla radice ed evitare danni da esplosioni alla filiale e agli sportelli ATM

ti proponiamo un innovativo sistema di protezione antiesplosione bancomat: SCUDO SYSTEM

un dispositivo esterno, che elimina la possibilità di introdurre qualsiasi tipo di esplosivo all’interno del bancomat, rallentando e scoraggiando notevolmente ogni tipo di azione.

Non si può stabilire a priori in che modo i malviventi cercheranno di far esplodere l’ATM.

Per maggiori informazioni sui sistemi di protezione contro l’esplosione che installiamo a Padova e in tutto il Triveneto, contattaci.

Facebooktwitterlinkedinmail
Francesca Quaggia
Francesca Quaggia
Amministratrice, responsabile marketing e comunicazione, formazione e sicurezza sul lavoro, responsabile infrastruttura aziendale, coordinatrice strategia d’azienda, ricerca nuovi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.