Aggiornamento regola tecnica prevenzione incendi dei campaggi - Sei Sicurezza
Blog SEI Sicurezza Clonazione delle carte di credito contactless
La clonazione delle carte di credito contactless
5 giugno 2018

La prevenzione incendi nei campeggi e nei villaggi turistici

Blog SEI Sicurezza - Aggiornamento regola tecnica prevenzione incendio in campeggi attrezzati

Visto il periodo cruciale per chi ama la vacanza in campeggio, vi spieghiamo meglio, integrando un post relativo alla “Regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture turistico – ricettive all’aria aperta (campeggi, villaggi turistici, etc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone”, quali chiarimenti hanno dato dai Vigili del Fuoco con la nota del 16 settembre 2016.

La grande novità introdotta dalla regola tecnica in oggetto, che coinvolge le strutture ricettive sia di nuova generazione che quelle esistenti, sta nel richiedere delle misure di sicurezza antincendio “proporzionate” alla reale possibilità che si verifichino delle situazioni di emergenza.
Per chi ha avuto modo di sostare in campeggi o villaggi turistici prima del 2014 e dopo il 2015 e magari ha una certa sensibilità per gli argomenti trattati in questo post e sicuramente avrà notato tutte le modifiche attuate per:

  1. Ridurre al minimo le cause di incendio;
  2. Assicurare la stabilità delle strutture portanti per assicurare il soccorso agli occupanti;
  3. Limitare la produzione e la propagazione di un incendio all’interno della struttura ricettiva;
  4. Evitare la propagazione di un incendio ad edifici od aree limitrofe;
  5. Garantire la possibilità che gli occupanti lascino i locali e le aree indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo;
  6. Fare in modo che le squadre di soccorso possano operare in condizioni di sicurezza.

Operativamente parlando se oggi soggiornate in un qualsiasi campeggio dovreste essere in grado di attivare una segnalazione di allarme incendio tramite dei pulsanti manuali ben visibili sia di giorno che di notte e distribuiti all’interno della struttura con una distanza massima tra di loro di 80 mt.
La segnalazione dovrebbe arrivare ad un luogo presidiato 24/24 ore che si occupa di gestire le procedure di emergenza e, al tempo stesso, attiva degli avvisatori acustici/luminosi e/o sonori che dovrebbero essere in grado di raggiungere ogni ospite della struttura. Questo è uno dei punti chiave per permettere un’evacuazione veloce e una riduzione del rischio in generale.

Con la nota del 16 settembre 2016, n. 11257 i Vigili del Fuoco hanno poi chiarito alcuni aspetti del dm 28 febbraio 2014 relativamente a:

Area raccolta rifiuti

I rifiuti prodotti dall’attività ricettiva devono essere accumulati in un’apposita area, in attesa dello smaltimento, per evitare che varie zone della struttura siano esposte ad incendio scaturito dai rifiuti.
I VVF chiariscono che non sono paragonabili a depositi singoli bidoni di uso domestico per raccolta rifiuti, o comunque gruppi di 3-4 di essi.

Illuminazione di sicurezza

Le strutture devono essere dotate di un sistema organizzato di percorsi di esodo attraverso cui, in caso di emergenza, le persone possono raggiungere l’area di sicurezza. Tale illuminazione di sicurezza dovrà essere estesa non a tutti i percorsi, ma:

  • alle vie di circolazione principali (esclusi quindi i vialetti pedonali compresi tra le unità abitative, e i percorsi interni alle singole aree);
  • ai punti di raccolta;
  • alle aree di sicurezza;
  • alla zona parcheggio.

Tuttavia, è necessario che da ogni punto della struttura ricettiva sia visibile la segnaletica di sicurezza indicante i percorsi da utilizzare in caso di esodo.

Divieto di parcheggio

Il decreto prevede che venga garantita una distanza minima di almeno 1 metro tra il veicolo e l’unità abitativa. Inoltre, tale prescrizione non è pertinente per i veicoli dotati di tende applicate sul tetto (air camping) ed i camper.

Chi prima e chi dopo, tutte le strutture ricettive si sta adeguando a queste regole tecniche, che a nostro avviso, sono regole d’oro e fondamentali per garantire sicurezza e far dormire sonni tranquilli a chi si appoggia a campeggi e villaggi turistici per trascorrere le proprie vacanze.

Per tutti i villaggi turistici o campeggi siamo a disposizione con consulenza e prodotti specifici per rispondere al DM 28/02/2014 e mettere a norma le strutture ricettive.

 


 

Lo staff di SEI Sistemi di Sicurezza è sempre aggiornato sulle ultime disposizioni di legge in materia di regola tecniche di prevenzione incendi per le strutture turistico-ricettive all’aria aperta (campeggi e villaggi turistici).

Per tutti i villaggi turistici o campeggi siamo a disposizione con consulenza e prodotti specifici per rispondere al DM 28/02/2014 e mettere a norma le strutture ricettive.

 

Metti a norma la tua struttura ricettiva e prenota un sopralluogo dei nostri tecnici esperti della sezione antincendio.

Operiamo su tutti i campeggi e i villaggi turistici del Veneto, del Friuli-Venezia-Giulia e del Trentino.

 


Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Francesca Quaggia
Francesca Quaggia
Amministratrice, responsabile marketing e comunicazione, formazione e sicurezza sul lavoro, responsabile infrastruttura aziendale, coordinatrice strategia d’azienda, ricerca nuovi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi